fbpx

Blog

November 1, 2021

Intesa Sanpaolo, Accenture e Personetics affrontano insieme il futuro della digitalizzazione

Dare un impulso efficace all’iper-personalizzazione e rafforzare il coinvolgimento dei clienti richiede più di una collaborazione ordinaria. Personetics lavora sia con i propri partner che con i propri clienti per raggiungere questi obiettivi attraverso collaborazioni davvero strategiche. È qualcosa per cui tutto il nostro team mostra una grande passione.

Quindi, quando abbiamo parlato per la prima volta con Paola Papanicolaou, Direttrice esecutiva e Responsabile del gruppo per l’innovazione presso Intesa Sanpaolo, la più grande banca italiana, abbiamo capito subito che eravamo destinati a incontrarci. Da quel momento, la nostra collaborazione ha continuato a crescere.

Personetics e Intesa Sanpaolo: più di un semplice rapporto fornitore/cliente

Collaborazioni come questa sono rare. Intesa Sanpaolo si è rivolta a Personetics (in collaborazione con Accenture) affinché l’aiutasse a migliorare le capacità di tutoraggio finanziario che la banca offre sui propri canali digitali. L’obiettivo? Consentire a Intesa Sanpaolo di rispondere meglio alle esigenze dei clienti. Personetics era più che all’altezza del compito: una parte importante del nostro lavoro includeva la fornitura a Intesa Sanpaolo di una piattaforma flessibile che consentisse alla banca di identificare le tendenze dei clienti nei loro comportamenti in ambito finanziario, oltre che la ricerca di una soluzione efficace che la banca potesse usare per veicolare i propri servizi direttamente verso i clienti.

Secondo il mio collega di Intesa Sanpaolo, il Senior Manager Savino Damico, che di recente ha presenziato con me al FinTech Collaboration Safari di Accenture, “è stato molto importante, per Intesa Sanpaolo, riuscire ad acquistare una soluzione che fosse più rapida da implementare piuttosto che svilupparne una nostra, oltre ad essere in grado di personalizzare gli strumenti rivolti ai nostri clienti. Personetics ha fornito una soluzione che utilizza la modellazione dei dati, al fine di identificare le tendenze del comportamento del cliente in ambito finanziario utilizzando strumenti analitici ed effettuando analisi sulle previsioni, dalle spese alla successiva implicazione del budget sulle conseguenze del saldo del cliente”.

Accenture ha stretto una collaborazione con Personetics per realizzare una piattaforma digitale strategica

Accenture ha ricoperto un ruolo essenziale nel trasformare il rapporto tra Personetics e Intesa Sanpaolo in un enorme successo.

“È stato molto importante per Accenture collaborare con Personetics”, ha dichiarato Erika Aversano, direttrice generale di Accenture. “Accenture Italia ha fatto certificare 20 persone da Personetics e, grazie a questo, è riuscita ad aiutare la banca e Personetics nella loro collaborazione per accelerare la fase iniziale dell’implementazione, oltre a rappresentare una parte strumentale per garantire una transizione e un’integrazione dell’implementazione per il dislocamento di Personetics all’interno di Intesa Sanpaolo nell’infrastruttura di Accenture”.

Lavorare insieme come una cosa sola

  1. Laboratori di co-progettazione

I membri dei team di entrambe le nostre aziende dovevano essere strategicamente allineati; pertanto, quando arrivò il momento di dare vita al progetto, Intesa Sanpaolo partecipò a parecchi laboratori di co-progettazione. Questo riunì il personale chiave di entrambe le organizzazioni proveniente dai reparti di Marketing digitale, Multichannel e IT. Il nostro obiettivo primario era coordinare gli sforzi in entrambe le aziende, in modo che chiunque dovesse essere coinvolto in Intesa Sanpaolo lo fosse a tutti gli effetti.

  1. Pratiche di “test and learn”

Un’altra parte entusiasmante del progetto prevedeva che Intesa Sanpaolo utilizzasse la metodologia “test-and-learn” per provare gli strumenti che fornivamo. Ad esempio, venivano somministrati sondaggi ai clienti per ricevere un ulteriore feedback. Questo comportò la creazione di un incastro ancora più forte tra il concetto del prodotto e ciò che i veri clienti si aspettano nel concreto.

Da questo processo creativo, abbiamo appreso che è assolutamente possibile, per le banche e le società di FinTech mature di tutta Europa, lavorare insieme per soddisfare e superare le esigenze dei clienti bancari.

L’implementazione delle funzionalità relative agli strumenti di coinvolgimento di Personetics nei canali per dispositivi mobili di Intesa Sanpaolo forniscono ai clienti strumenti altamente personalizzati e su misura, aiutando contemporaneamente Intesa a vincere il titolo per la seconda miglior applicazione bancaria per dispositivi mobile in Europa, appena un anno dopo aver raggiunto il 4° posto nell’annuale Forrester Digital Experience: rapporto europeo sulle app bancarie per dispositivi mobile.

Ciò che è ancora più entusiasmante è il fatto che, nell’edizione 2021, Intesa adesso condivide il primo posto dopo la crescita del livello delle funzionalità di coinvolgimento dei clienti offerte ai propri utenti di mobile banking.

Lezioni apprese dopo 2 anni di collaborazione

Le lezioni apprese dalla nostra collaborazione con Intesa Sanpaolo hanno rappresentato una parte importante del nostro successo. Infatti, secondo Erika, le future collaborazioni tra le società FinTech e le banche sono fondamentali per un panorama digitale in continua evoluzione.

Lezione n. 1: la gestione finanziaria personale tradizionale non è sufficiente

“Credo che, negli ultimi cinque anni, ogni banca, in Italia e in Europa, abbia investito nelle funzionalità tradizionali di gestione finanziaria personale”, afferma Erika. “Tuttavia, abbiamo potuto constatare che, per i clienti, questo non è sufficiente. In Italia, ma penso anche in Europa, la maggior parte delle banche cerca una soluzione come quella offerta da Personetics”.

Questa dichiarazione esprime le difficoltà che Intesa Sanpaolo ha affrontato quando si è trattato di trovare una soluzione ai propri problemi. Fortunatamente, il nostro team Personetics era lì per offrire l’esatta soluzione di cui la banca aveva bisogno. Come ha detto Savino in modo eloquente, la parte più consistente era ottenere il coinvolgimento da parte dei clienti.

Lezione n. 2: i dati dei clienti rappresentano il cuore di un coinvolgimento di successo

“Il coinvolgimento dei clienti è sempre difficile da quantificare”, ha affermato Savino.

Questo sottolinea l’importanza di utilizzare dati transazionali finanziari per informarli meglio su come proteggere in modo ottimale il loro benessere finanziario. Infatti, uno dei risultati più importanti della nostra collaborazione con Intesa Sanpaolo è stato quello di aumentare il coinvolgimento dei clienti, fornendo, al contempo, un’esperienza di tutoraggio finanziario di livello superiore.

Lezione n. 3: la collaborazione è la chiave del successo

“Ogni azienda è un’azienda digitale”, ha affermato Daniel Baur, Direttore generale DACH – Capo dei servizi bancari e assicurativi per Accenture Austria. “Inoltre, le FinTech ricoprono un ruolo essenziale nel viaggio verso la digitalizzazione”.

Mentre le principali istituzioni finanziarie sono alla ricerca dell’innovazione e della tecnologia d’avanguardia offerte dalle società FinTech come Personetics, Accenture si colloca idealmente come ponte tra questi due mondi. Peraltro, durante tutto il progetto con Intesa Sanpaolo, Accenture ha dimostrato di rappresentare un connettore attivo, altamente impegnata in tutto il processo, fornendo consigli importanti, creando un rapporto di fiducia e consentendo un rapido aumento su vasta scala del progetto di digitalizzazione.

Siamo estremamente ottimisti nell’affermare che gli strumenti esclusivi che Personetics è stata in grado di fornire a Intesa Sanpaolo costituiscono il primo passo di una lunga collaborazione con Accenture, mentre affrontiamo insieme il futuro della digitalizzazione.

Per saperne di più sulla collaborazione tra Personetics, Accenture e Intesa Sanpaolo e sul futuro della digitalizzazione nel mondo FinTech, guarda il video proposto di seguito e tratto dal Fintech Collaboration Day di Accenture.

Da oggi, i clienti Personetics possono mettersi in contatto con il proprio responsabile dedicato per il successo della clientela e avere maggiori informazioni. Non sei un membro della community di Personetics? Clicca qui per saperne di più.

Dorel Blitz

VP Strategy & Business Development

Dorel Blitz brings over ten years of experience in global strategy and business development in the financial services industry. Dorel joins Personetics from KPMG, where he headed the Fintech sector at KPMG Israel and a member of the global Fintech practice. In this role, Dorel was instrumental in establishing KPMG’s collaborative relationships with global financial institutions and leading Fintech companies including Personetics. He also acted as a subject matter expert and led advisory projects involving digital transformation strategies with financial services organizations. Prior to joining KPMG, Dorel led the Innovation & Fintech practice at Bank Leumi, and earlier in his career, he headed the banking & finance division at global research firm Adkit.

Back to blog
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]